Open Data per il Territorio: Cultura, Turismo, Ambiente Ravenna, 19-23 Ottobre 2015

Benvenuti in CULTA

La summer school sugli Open Data per il

Territorio: Cultura, Turismo, Ambiente

Obiettivi

 

L’inventore del Web, Tim Berners-Lee, nel 2009 ha lanciato un nuovo paradigma legato all’apertura dei dati in rete, provenienti prevalentemente dalle pubbliche amministrazioni, al fine di migliorare i servizi ai cittadini, il monitoraggio dell’azione pubblica, la crescita dell’economia digitale, la gestione del denaro secondo un’etica della res pubblica. Il presidente Obama, sempre nel 2009, ha avviato un profondo cambiamento della propria amministrazione con il programma Open Government al fine di favorire trasparenza, partecipazione e cooperazione da e verso i cittadini. Il fenomeno ormai mondiale è inserito come nuovo obiettivo all’interno di tutte le agende di governo e il G8, nel giugno del 2013, ha elaborato una roadmap per realizzarlo concretamente, fissando obiettivi minimi fra i paesi aderenti.

La summer school vuole investigare gli aspetti tecnologici, giuridici, organizzativi del fenomeno dell’Open Data. In particolare la Summer school intende valorizzare i dati aperti legati al territorio, punta di eccellenza dell’Italia, quali il turismo, i beni culturali, i dati geografici e ambientali.

Target

La summer school è rivolta a funzionari giuridici e tecnici di enti pubblici (regioni, comuni, enti pubblici, beni culturali, agenzie territoriali, etc.) che si trovano a dover affrontare la gestione dei dati e dei documenti in formato aperto alla luce delle nuove normative (Agenda Digitale Europea, Decreto Trasparenza, Codice dell’Amministrazione Digitale, Direttiva PSI) o perchè sospinte dalle innovazioni tecnologiche introdotte dal Web 2.0 (trasparenza, comunicazione, partecipazione).

La figura professionale emergente è un responsabile dell’innovazione che intende comprendere a fondo le potenzialità delle tecnologie del Semantic Web (Linked open data), oppure un responsabile ICT che intende impadronirsi delle modalità operative per poi creare progetti rivolti alla smaterializzazione dei documenti e alla creazione di portali open data.

Accanto a queste figure professionali si intende fornire competenze e capacità operative a ricercatori, sviluppatori, imprese, enti, esperti di comunicazione, aggregatori di dati e in generale ogni attore che accompagna le pubbliche amministrazioni nel difficile compito di trasformarsi in accordo con le esigenze dell’era della conoscenza.

Modalità

La summer school presenterà gli aspetti teorici primari dal punto di vista giuridico, organizzativo, tecnologico, approfondendo con esercitazioni pratiche in laboratorio i temi affrontati in aula.

Ospiti delle pubbliche amministrazioni, del settore privato e dell’accademia presenteranno i risultati dei loro progetti con particolare riguardo ai settori cultura, turismo, ambiente.

Consorzio


logo cirsfid1_LOGO%20CAMPUS%20RAVENNAlogo-flaminiaFBKbicoccacnr-istclogo-unito_imagefulllogo

 

Liberi Patrocini

ComunediBologna_Emblema_COL_5_6cm_300dpilogo_comune_defLOG_IBC_RER_2007Logo orizzontale Regione Emilia-Romagna Vettorialelogo-AGID_0

Partners


spazioDati
dataninja_awardsregestaimagesBGFBJSTS2011-12-13-logo-SGI-500x500-150x150IOD-italia logo_bianco

 

Sponsor

 

 

Docenti

Comitato Scientifico

  • Monica Palmirani (direttore)

  • Matteo Brunati

  • Massimo Fustini

  • Maurizio Napolitano

  • Fabio Vitali

 

Docenti e Relatori

  • Amir Baldissera

  • Andrea Borruso

  • Matteo Brunati

  • Giovanni Bruno

  • Diego Camarda

  • Stefano Cattani

  • Pina Civitella

  • Luca Corsato

  • Francesca De Chiara

  • Gabriele Gattiglia

  • Dino Girardi

  • Fernanda Faini

  • Gian Luca Farina Perseu

  • Matteo Fortini

  • Massimo Fustini

  • Giorgia Lodi

  • Michele Martoni

  • Andrea Maurino

  • Andrea Nelson Mauro

  • Lorenzo Modena

  • Federico Morando

  • Franco Morelli

  • Maurizio Napolitano

  • Francesca Ricci

  • Monica Palmirani

  • Silvio Peroni

  • Valentina Presutti

  • Fabio Vitali

Ravenna

La città di Ravenna è una delle più importanti città d’arte e di cultura d’Italia nonchè il secondo comune d’Italia per dimensione dopo Roma.

Candidata come Capitale Europea della Cultura 2019, si è aggiudicata il titolo di Capitale Europea della Cultura 2015.

Ravenna risente fortemente del suo illustre passato essendo stata capitale di tre imperi: Impero Romano d’Occidente (402 – 476), del Regno degli Ostrogoti (493 – 553) e dell’Esarcato bizantino (568 – 751). Il complesso dei suoi  monumenti artistici è carico di storia e per questo motivo dal 1996 Ravenna è entrata nella lista dei siti italiani patrimonio dell’umanità promosso dall’UNESCO.

Ravenna offre anche numerose bellezze naturali iniziando dai suoi nove lidi sulla costa adriatica che includono la famosa Pineta di Classe, la riserva naturale del WWF di Punte Alberete e altre attrazioni turistiche di eccellenza.

Luogo della Summer School

Scuola di Giurisprudenza, via Oberdan 1, Ravenna

 

Programma

Programma Summer School CulTA (PDF– updated 10 Oct.)

Scuola di Giurisprudenza, via Oberdan 1, Ravenna, Laboratorio Informatico.

Una testimonianza di un partecipante e una lista importante di risorse digitali: http://mauroferri.github.io/2015/10/23/summer-school-open-data/

 

19 Ottobre 2015

Coordina: Palmirani – Introduzione alla cultura Open Data

9.00-10.00 Saluti istituzionali

10.00-11.00 Monica Palmirani, Università di Bologna, Introduzione agli Open Data: dalle agende digitali europee alle linee guida nazionali

11.00-11.30 Coffee Break

11.30-12.30 Michele Martoni, Università di Bologna, Aspetti giuridici: privacy, trasparenza e open by default

12.30-13.00 Pina Civitella, Comune di Bologna, Aspetti organizzativi e strategici degli Open Data: la prospettiva di un comune

13.00-14.00 Pranzo

14.00-15.00 Federico Morando, NEXA, Licenze degli Open Data

15.00-16.00 Fernanda Faini, Regione Toscana, Aspetti organizzativi e strategici degli Open Data: la prospettiva delle regioni

16.00-16.30 Coffee Break

16.30-18.00 Monica Palmirani/Michele Martoni/ Fernanda Faini, Sessione pratica: Analisi di casi concreti sull’apertura degli open data – Lavori di Gruppo


20 Ottobre 2015

Coordina: Vitali – Open Data: gli aspetti tecnologici

9.00-10.00 Fabio Vitali, Università di Bologna, Open Data, formati, URI, metadati e usabilità

10.00-11.00 Silvio Peroni, Università di Bologna, Linked Open Data e SPARQL

11.00-11.30 Coffee Break

11.30-13.00 Silvio Peroni, Università di Bologna, Linked Open Data e SPARQL

13.00-14.00 Pranzo

14.00-15.00 Andrea Maurino, Bicocca, Open Data Piattaforme, Cataloghi, Repository

15.00-15.30 Matteo Fortini, Università di Bologna, Visualization tools

15.30–16.00 Coffee Break

16.00-18.00 Luca Cervone, Università di Bologna, Sessione pratica: Visualization tools – Lavori di Gruppo

18.00-19.00 Aperitivo


21 Ottobre 2015

Coordina: Napolitano – GeoData

9.00-11.00 Maurizio Napolitano, FBK, Trento, Introduzione agli Open Geo Data

11.00-11.30 Coffee Break

11.30-12.00 Comune di Ravenna, I dati geografici del Comune di Ravenna in Open Data

12.00-12.30 Stefano Cattani, ARPA, Regione Emilia-Romagna, Un progetto sugli open data ambientali in Emilia-Romagna

12.30–13.00 Franco Morelli, Esperienze di Open Data per il cittadino

13.00-14.00 Pranzo

14.00-16.00 Maurizio Napolitano, FBK, Trento, OpenStreetMap – il progetto collaborativo di raccolta di open geo data

16.00-16.30 Coffee Break

16.30-18.00 Andrea Borruso, TANTO blog gis, Tecnologie geo-spaziali al servizio di tutti: dai geodati alla conoscenza

20.00 Social Dinner


22 Ottobre 2015

Coordina: Fustini – Cultural Heritage e Open Data

9.00 – 10.00 Massimo Fustini, Regione Emilia-Romagna. Open Data per il Cultural Heritage

10.00-11.00 Luca Corsato, Open Data Cultural Heritage

11.00-11.30 Coffee Break

12.00-13.00 Giorga Lodi, CNR, Esperienze di Open Data mediante l’uso di Pattern

13.00-14.00 Pranzo

15.00-16.00 Gabriele Gattiglia, OpenPompei, Open Pompei

15.00-16.00 Francesca Ricci, IBC, Un progetto per i linked open data del dominio cultura

16.00-16.30 Coffee Break

16.30-18.00 Diego Camarda, Regesta.exe, Requisiti e tecnologie: i Linked Open Data per il Cultural Heritage


23 Ottobre 2015

Coordina: Brunati – Modelli Economici degli Open Data: un Ecosistema Complesso

9.00-10.30 Matteo Brunati, SpazioDati, Introduzione alla giornata e spunti generali sulla filiera

10.30-11.00 Dino Girardi, Università di Bologna, Modelli di business per l’ecosystem open data

11.00-11.30 Coffee Break

11.30-12.15 Matteo Brunati, SpazioDati, SpazioDati: un’esperienza a cavallo dei dati, tra Big Data, Open Data e semantica

12.15-12.50 Lorenzo Modena, Open Move

13.00-14.00 Pranzo

14.00-15.00 Gian Luca Farina Perseu, Il caso di MuseoTorino

15.00-15.30 Francesca De Chiara, OpenData200

14.30-15.30 Andrea Nelson Mauro, Dataninja, L’uso dei dati nel Data Journalism

16.00-16.30 Coffee Break

16.30-17.00 Ugo Bonelli, Stati Generali dell’Innovazione, Gli Open Data come fattore abilitante per lo sviluppo economico e territoriale: quali OD, come e perché

17.00-18.00 Lavori di Gruppo

CERIMONIA DI DIPLOMA

20.00 Cena informale insieme

Iscrizione

La fee di iscrizione alla Summer School CulTA serve per coprire i costi di gestione dell’iniziativa.

Nessun docente viene pagato per la propria prestazione didattica.

Ogni giorno ha un costo di 75 euro.

La settimana intera ha un costo di 300 euro.

Per gruppi di persone appartenenti allo stesso soggetto si possono applicare tariffe particolari e con gli enti pubblici si possono attuare convenzioni:

– studenti (triennali, magistrali, dottorato): 50 euro tutta la settimana;
– PP.AA e affiliati agli enti che hanno fornito il libero patrocinio: 50 euro al giorno, 200 per tutta la settimana;
– aziende e altri enti: 75 euro al giorno, 300 tutta la settimana.

Segreteria: dina.ferrari @ unibo.it


Informativa Privacy
Ai sensi dell’art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003), si informano i partecipanti alla Summer School OPEN DATA PER IL TERRITORIO: CULTURA, TURISMO, AMBIENTE che il trattamento dei dati personali che da essi verranno forniti al CIRSFID (Centro Interdipartimentale di Ricerca in Storia del Diritto, Filosofia e Sociologia del Diritto e Informatica Giuridica dell’Università di Bologna “Guido Fassò - Augusto Gaudenzi”), titolare del trattamento, mediante questo modulo o durante le fasi di iscrizione anche on line, è finalizzato unicamente all’espletamento delle attività di organizzazione e gestione del corso e avverrà a cura delle persone nominate incaricate o designate responsabili, anche mediante l’utilizzo di procedure informatizzate. Non vengono trattati dati di natura sensibile.
 I dati raccolti non verranno comunicati a terzi. I dati, in ogni caso, non saranno soggetti a diffusione.
 I dati verranno conservati per il tempo necessario allo svolgimento dell’iniziativa.
 ll conferimento dei dati è facoltativo. L’eventuale rifiuto di fornire in tutto o in parte i dati potrà comportare l’impossibilità di procedere alla registrazione al corso e dunque la partecipazione allo stesso.
 L’interessato ha diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei propri dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione. L’interessato ha, altresì, il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. All’interessato sono comunque riconosciuti tutti diritti di cui all’art. 7 del citato Codice (D.Lgs. 196/2003).
 Tali diritti possono essere esercitati rivolgendo le richieste al CIRSFID, all’indirizzo monica.palmirani@unibo.it.
 Ai fini di garantire un riscontro più rapido e completo, il Titolare ha previsto che queste siano inviate in a mezzo posta o posta elettronica – specificando nell’oggetto della comunicazione “Richiesta ai sensi dell’art. 7 D.lgs. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali”.
 Il Titolare del trattamento è il CIRSFID (Centro Interdipartimentale di Ricerca in Storia del Diritto, Filosofia e Sociologia del Diritto e Informatica Giuridica dell’Università di Bologna “Guido Fassò - Augusto Gaudenzi”), con Sede in Bologna, alla Via Galliera n. 3.
 Nel caso si ritengano necessarie ulteriori informazioni o chiarimenti è possibile contattare il Titolare del trattamento al seguente indirizzo di posta elettronica: monica.palmirani@unibo.it.

 

 

Protected: Area Riservata

This content is password protected. To view it please enter your password below:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close